Distretto della Pesca, presentato a Bruxelles il progetto “Med-Class-Best”

Grande interesse a Bruxelles per un progetto del Distretto della Pesca
In occasione del sesto Working Group on Blue Economy, organizzato
dall’Unione per il Mediterraneo, tenutosi a Bruxelles nei giorni scorsi, le
autorità e gli stakeholder del Mediterraneo si sono incontrati per discutere
delle nuove competenze emergenti nel mondo del lavoro nei settori
dell’economia blu. In occasione del meeting sono state presentate le best-
practices del Mediterraneo.

Tra queste anche l’iniziativa coordinata dal Distretto della Pesca e Crescita Blu di Mazara del Vallo, presieduto da Nino Carlino, che vede coinvolti diversi partner del Mediterraneo, sia della sponda Nord (Italia, Francia, Spagna, Malta, Portogallo) che della sponda Sud (Algeria, Tunisia, Marocco) e che ha riscosso grande interesse associando altri 20 importanti partner dell’area del Mediterraneo.

Il progetto partecipa al bando “ENI CBC MED” e si attende l’esito finale della valutazione entro dicembre. I contenuti dell’idea progettuale, dal titolo “MED-CLASS-BEST”, sono stati decritti a Bruxelles dal professor Stefano Fricano, componente dell’Osservatorio della Pesca e docente del Dipartimento di Economia dell’Università di Palermo.

Il progetto è stato realizzato anche con l’importante contributo offerto dall’iniziativa Westmed e mira a costruire un grande Cluster nel Mediterraneo che possa fungere da piattaforma centrale per lo sviluppo dei settori dell’economia blu sfruttando la sinergia e la cooperazione di tutti i principali attori.

L’iniziativa Westmed è stata creata e finanziata dalla Commissione Europea per aiutare le istituzioni pubbliche, il mondo accademico, le comunità locali, le piccole e medie imprese e gli imprenditori di entrambe le sponde del Mediterraneo occidentale a sviluppare insieme progetti marittimi locali e regionali.

Il Distretto della Pesca ha avviato una forte collaborazione con il team di Westmed e ha già in cantiere nuove proposte progettuali che continuano nel sentiero tracciato ormai da anni di cooperazione nel Mediterraneo, per un’azione sinergica che miri a costruire solide basi per lo sviluppo dei settori dell’economia blu.

Pin It on Pinterest